Set 26
2012

Patè di tempeh

Il tempeh offre la stessa versatilità del tofu: il suo gusto più deciso spesso non è apprezzato, ma bastano pochi passaggi per renderlo gustoso e apprezzabile da tutti.

pate-di-tempeh-007

Questo patè è stato servito come antipasto, ma è rimasto in tavola per accompagnare i contorni, perfetto spalmato sulle pannocchie al forno e sulla zucca grigliata.
L’aroma della maggiorana fresca l’ha reso irresistibile…..
Assolutamente da provare, senza trascurare la marinatura.

Ingredienti:
½ panetto di tempeh
due o tre rametti di maggiorana fresca
origano essiccato
sale blu di Persia
olio extravergine d’oliva

Ingredienti per la marinata:
succo di 1 limone
olio
acqua

Procedimento:
La sera precedente o il giorno precedente preparare la marinata, amalgamare in un contenitore gli ingredienti, affettare il tempeh e immergerlo nella marinata.
Farlo riposare sino al momento di utilizzarlo.
Si può lasciare anche 24 ore, più è lungo il riposo più il sapore del tempeh si neutralizza.
Riprendere il tempeh, spezzettarlo grossolanamente e farlo bollire per qualche minuto con pochissima marinatura.
Farlo intiepidire, frullare il tutto sino a ridurlo purea.
Unire la maggiorana, l’origano, il sale e l’olio extravergine d’oliva, continuare a frullare unendo parte della marinata necessaria per ottenere un composto cremoso e corposo.

Far riposare in frigorifero qualche ora prima di servire. E’ preferibile tenerlo a temperatura ambiente per almeno 30 min prima di portarlo a tavola.

Come ho scritto è un jolly perfetto, si presta ad essere spalmato su tartine, come accompagnamento ai contorni senza trascurare i cereali…. perfetto sul riso basmati lessato.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

15 risposte a “Patè di tempeh”

  1. CescaQB ha detto:

    Direi sorprendentem, sorprendentissimo, un nuovo modo per mangiare il Tempeh per il quale non vado matta. ma in questa versione….

  2. lacucinadellacapra ha detto:

    In effetti a me piace tantissimo, ma a casa non ha avuto grande successo, magari in questo modo riesco a intrufolarlo!

    • Felicia ha detto:

      Secondo me riesci ad intrufolarlo senza problemi, puoi arotizzarlo con le spezie che preferisci, l’importante è la marinatura, il succo di limone neutralizza molto il sapore del tempeh 🙂

  3. Raffy77 ha detto:

    Patè semplice da preparare ma saporito 😉
    Brava Feli! 🙂

  4. Ale ha detto:

    Dai, ma guarda!!! Dall’aspetto è gustosissimo!!! Io ho mangiato pochissime volte il tempeh, non l’ho adorato ma così secondo me lo mangerei a palla, bello spalmato sul pane! ^_^

  5. Camiria ha detto:

    Buono questo patè 🙂 la marinatura credo sia essenziale con prodotti come il tofu e il tempeh, perché non sempre piacciono mentre se arricchiti nel gusto diventano deliziosi! Ci proponi sempre ottime alternative per assaporare questi ingredienti ^^

    • Felicia ha detto:

      La marinatura permette aromatizzare e insaporire sia tempeh che tofu…. secondo me è fondamentale. In questo caso il succo del limone allegerisce il sapore forse troppo deciso del tempeh. Grazie carissima, sei sempre gentilissima 🙂

  6. Chicca66 ha detto:

    Adoro il tempeh e credo che mi piacerebbe anche così 🙂

  7. notedicucina ha detto:

    Che bello… Con te andiamo sul sicuro. Sei un’adoratrice del tempeh, proprio come noi :-). Il patè, però, è una novità che proveremo mooolto volentieri. Non ci avevamo mai pensato!

    • Felicia ha detto:

      Il tempeh è spesso criticato e non valutato….. ma con le giuste mosse diventa irresistibile…….. Il patè è davvero sfizioso e alternativo 🙂 Grazie

  8. […] Procedimento: Preparare la polenta seguendo le indicazioni riportate sulla confezione, ma diminuite leggermente la dose dell’acqua, in modo da ottenere una polenta abbastanza soda. Nel boccale del frullatore inserire il cavolo cappuccio sminuzzato, la cipolla rossa e 150 gr di polenta, frullare sino ad ottenere una polenta molto morbida e dal delizioso colore violetto. Se si ammorbidisce troppo, rimetterla sul fuoco e far addensare, se necessario si può aggiungere un cucchiaio di farina di mais e proseguire la cottura per qualche minuto. Distribuire la polenta gialla nel contenitore o in più contenitori prescelti, completare aggiungendo qualche cucchiaiata di polenta viola, miscelare le due polente, senza amalgamare completamente i colori, anzi si devono creare zone chiare e scure. Far raffreddare. Prima di servire estrarre la polenta dal contenitore e posizionarla su una teglia, preventivamente foderata con carta forno, in forno caldo a 180° per 15-20 min.; a metà cottura girare la polenta. Non ho voluto gratinare e dorare la polenta, solo scaldarla e creare una leggera crosticina; se la preferite più croccante proseguite con la cottura. Per creare queste piccole e rotonde polente ho utilizzato i contenitori degli hamburger (vegetali), ne ho formate sei più un altro contenitore rettangolare. Oltre ad essere bella è buonissima, il gusto originale del cavolo cappuccio e della cipolla regala alla polenta un sapore unico, sfizioso. Ho accompagnato il tutto con un buonissimo Patè di Tempeh. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.