Dic 17
2012

Milinki Vegan

Di nuovo in viaggio, sono tornata a Sofia.
Come per la Koledna pitka vegan  sto provando i vari dolci natalizi.

Lo spunto l’ho preso dalla stessa rivista, ma questa volta, oltre che a veganizzare la ricetta, l’ho impreziosita con un tocco personale.
Ci è piaciuta tantissimo, e sarà una delle protagoniste del Natale 2012, con qualche tocco natalizio in più.

Ingredienti:
200 gr di farina di kamut
200 gr di farina manitoba
30 gr di farina di soia
2 cucchiai di malto di riso
70 gr di yogurt al naturale
1 pizzico di sale
150 gr di pasta madre
acqua q.b.
olio di semi q.b.

Ingredienti per la guarnizione:
fichi secchi q.b.
yogurt ai frutti di bosco q.b.

Procedimento:
Sciogliere la pasta madre con parte dell’acqua e il malto di riso; in una ciotola miscelare gli ingredienti rimasti.
Unire la pasta madre nella ciotola e impastare unendo man mano l’acqua necessaria e l’olio per ottenere un composto morbido, elastico e ben idratato.
Far lievitare nella ciotola coperta da una pellicola per alimenti e la copertina sino a quando l’impasto raddoppia il volume. Circa 6-8 ore.
Riprendere l’impasto.
Sulla spianatoia impastarlo brevemente e modellarlo come per formare gli gnocchi, un grosso salamotto.
Tagliare il salamotto a fettine, cercando di farle della stessa dimensione.
Al centro di ogni fettina posizionare ¼ di fico secco, chiudere l’impasto e modellare una pallina.

Foderate con carta forno la base di una tortiera di 24 cm di diametro, oliare e infarinare il bordo. Partendo dall’esterno posizionare tutte le palline nella tortiera, lasciare solo un leggero spazio fra di loro.

Le palline non devono essere troppo ammassate, ma neanche troppo distanti.
Spennellare la superficie con lo yogurt alla frutta (nel mio caso i frutti di bosco) e far riposare per 1 ora.

Accendere il forno a 250°, a temperatura infornare e abbassare a 180°, cuocere per 25-30 min.; se la superficie dovesse colorirsi troppo, coprire con un foglio di carta d’alluminio senza farlo entrare in contatto con il dolce.

Sfornare, appena possibile togliere il bordo a cerniera per evitare che si formi umidità, far raffreddare e gustare……..

Originale, gustosa, morbidissima….. in questo caso non ho guarnito la superficie con frutta secca tritata, volevo usare le mandorle, (ma non le avevo….) ma rimedierò la prossima volta.

All’interno delle palline si può utilizzare la frutta secca che si preferisce, prugne secche, datteri, albicocche e abbinare la guarnizione finale e lo yogurt (perfetto anche al naturale).

La ricetta originale prevede di tuffare e spennellare le palline nel burro fuso…. Lo yogurt lo sostituisce egregiamente, trasmette la giusta umidità all’impasto e lo mantiene morbido.

Un altro dolce natalizio… ma non solo, perfetto anche per la prima colazione, si mantiene morbido e soffice.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

18 risposte a “Milinki Vegan”

  1. CescaQB ha detto:

    E’ bellissima e sembra proprio super soffice! te la invidio tantissimo!

  2. Sara ha detto:

    splendida ricetta, ottima idea per le feste! l’idea di spennellare con lo yogurt al posto del burro fuso è molto interessante sai? Ho giusto un cubetto di lievito di birra in scadenza, mi sa che lo userò per preparare il Milinki!

    • Felicia ha detto:

      Grazieeeeeeeeeeee!!!! lo yogurt di soia funziona alla grande, anche nell’impasto, lo rende morbidoso e soffice….. provalo lo testerai tu stessa 🙂

  3. Cami ha detto:

    Bellissimo 😉
    Ho appena pubblicato anch’io il nostro dolce natalizio 🙂 semplice e goloso al punto giusto! ^_^
    Adoro i fichi secchi come le albicocche essiccate, quelle bio e morbide 😀
    Anche questo dolce è speciale!
    Comincio ad amare di più questi dolci lievitati anziché i classici 😀

    • Felicia ha detto:

      Grazie!!!! come ben sai non mangio questi dolci, però mi danno molta soddisfazione nel prepararli e confezionarli, sono belli, sani e il risultato è sempre d’effetto!!!! vengo presto a vedere la tua preparazione, sono certa sarà stupenda e buonissima 🙂

  4. lacucinadellacapra ha detto:

    Che splendore, quest’anno passerò definitivamente alla XXXXXXXL!

  5. cucinoincina ha detto:

    fantastica tortina, e con qualche aggiunta festaiola, sarà perfetto per Natale!! brava Feli 😉

    • Felicia ha detto:

      E’ proprio quello che pensavo…. a Natale sarà sulla tavola dei miei genitori, magari la renderò più golosa con cioccolato e frutta secca….. così i bambini saranno soddisfatti!!!! 🙂 il tutto senza esagerare 😉

  6. […] Di nuovo in viaggio, sono tornata a Sofia. Come per la Koledna pitka vegan (link) sto provando i vari dolci natalizi. Lo spunto l'ho preso dalla stessa rivista, ma questa volta, oltre che a veganizzare la ricetta, l'ho impreziosita …  […]

  7. Ale ha detto:

    Vabbè io ufficialmente ti amo!
    Questi dolci tutti lavorati sono ormai la mia passione … e quello di riempire palline, tipo Danubio … che squisitezza! Ora non ce la faccio più ma quando torno da Roma voglio fare anche questo!
    Se non ci sentiamo prima Buone Feste! ^_^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.