Nov 11
2013

Halva di zucca

L’Halva è un dolce tipico Indiano, ne esistono varie versioni, le più conosciute: l’Halva di sesamo, di pistacchio e di carote.
Questa è la mia personale versione, con la zucca come protagonista principale, la dolce e cremosa zucca.

halva di zucca
Cercando in rete ho trovato molte versioni e diverse ricette, la presenza del ghee è una costante in tutte le ricette; nella mia versione il burro chiarificato è stato sostituito con pochissimo olio extravergine d’oliva e il latte vaccino con il delicatissimo latte di riso.
Ho dolcificato solo il necessario, gli ingredienti sono naturalmente dolci.
Il risultato: un Halva unico, morbido, avvolgente, gratificante, dolce…. una vera e propria coccola.
halva di zucca
Difficile fermarsi…. proprio per questo ho scelto di confezionare quattro piccole pirofile monoporzioni…. per non mangiare tutta la teglia e potermi deliziare con questa golosità anche il giorno successivo!!!
La rifarò ancora…. ma sarà necessario raddoppiare le dosi…..

Ingredienti:
500 gr di zucca
2 cucchiai di sapa (gentilmente donato da Annalisa) o malto di riso
50 gr di uvetta ammollata
50 gr di mandorle grossolanamente tritate
1/2 litro di bevanda vegetale di riso (o altra bevanda a scelta)
3 capsule di cardamomo
1 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Procedimento:
Lavare e sbucciare la zucca, tagliarla a pezzi e tritarla grossolanamente in un robot da cucina.
Versare la zucca in una capiente casseruola, aggiungere la bevanda vegetale e il cardamomo, sgusciato e leggermente schiacciato.
Cuocere coperto a fuoco vivace per circa 50 minuti, controllare e mescolare ogni tanto. Il liquido si deve assorbire completamente.
In un wok scaldare l’olio extravergine d’oliva, aggiungere la zucca e l’uvetta sciacquata. Soffriggere per circa 15 minuti, il composto si deve asciugare completamente e addensare.
Unire le mandorle e la sapa, amalgamare con cura, a fuoco vivace far dorare leggermente per un paio di minuti, assaggiare ed eventualmente aggiustare di sapore.
Distribuire il composto in piccoli pirottini da forno e far dorare con la funzione grill per 10 minuti circa ad alta temperatura.
halva di zucca
Il passaggio in forno è facoltativo, l’Halva di zucca si può gustare immediatamente o versato in pirottini da conservare in frigorifero per gustarlo fresco.
halva di zucca
E’ buonissima in tutte le versioni…. in ogni caso è irresistibile.
La dolce zucca dà il meglio di sè in questa preparazione, si esalta e offre una consistenza unica.

 

 

  •  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  

24 risposte a “Halva di zucca”

  1. marzia ha detto:

    caspita, deve essere buonissimo. Appena riesco lo provo. L’halva di sesamo mi fa impazzire e se ne ho una confezione non mi fermo finche’ non e’ finito. Con la zucca, deve essere altrettanto irresistibile. Sano e sfizioso, mi piace!

    • Felicia ha detto:

      Pensa non ho mai mangiato l’halva di sesamo….. alla prima occasione lo proverò per il momento mi consolo con quello di zucca!!!! anzi direi che mi coccolo con questo, vedrai è irresistibile 😉

  2. alicegrandi87 ha detto:

    Che meraviglia! Un dolce a me finirà sconosciuto, ma tanto sano e goloso che voglio conoscerlo presto!!! Come tipologia di zucca quale mi consigli di utilizzare?

  3. CescaQB ha detto:

    Buongiorno Fely, per me l’Halva è una novità, o forse ho avuto ancora dei miraggi nella blogsfera. Una delle cosa + belle di queste situazioni di scambio e condivisione è proprio conoscere piatti, sapori e accostamenti nuovi e questo ne è un esempio lampante ^_^
    Grazie per aver contribuito per la categoria DOLCI 😉

    • Felicia ha detto:

      Hai proprio ragione…. ho imparato davvero tanto condividendo, è proprio per questo che mi piace ricettare e venire a curiosare nei vostri blog….. un’amante della zucca come te deve provarlo e personalizzarlo!!!! 😉

  4. cucinoincina ha detto:

    sembra davvero deliziosa, leggera e pure saziante!! una merenda di tutto rispetto! 😉

  5. londarmonica ha detto:

    Accidenti, debbo rivedere l’halva. Io considero sempre solo quella israeliana a base di tahina, mentre mi scordo che esistono tanti altri tipi. Questa sembra deliziosa, la proverò sicuramente. Grazie e buona giornata ☀️

  6. valentina ha detto:

    nella mia scorsa vita, l’halva era uno dei miei dolci preferiti!ora posso ricominciare a mangiarlo grazie a te!bravissimaaaaa?

  7. valentina ha detto:

    volevo mettere il punto esclamativo, e mi è partito l’interrogativo.comunque ci siamo capite….un bacione

  8. Daria ha detto:

    Buonissimo! Una sorta di budino di zucca… sicuramente da provare!

  9. Verena ha detto:

    Non sai che fame mi hai fatto venire!!!

  10. Vegan In Chic ha detto:

    Maaaaaa…. sono semplicemente senza parole per questa idea…. Pensa poi che a me halva piace da morire, per non parlare di zucca, quindi non puoi capire cosa ho provato vedendole messe insieme… 😀

  11. labalenavolante ha detto:

    Ciao Felicia! Non conoscevo l’Halva e ho apprezzato particolarmente visto che tra poche settimane parto per un lungo viaggio in India.. mi sto documentando sulla cucina e l’occhio mi è caduto qui 😉 complimenti per la ricerca e grazie per la condivisione, passare di qui ha sempre un sapore di casa!! ciauuuuu

    • Felicia ha detto:

      Grazie carissima… che bel viaggio, chissa quante esperienze farai!!! tornerai sicuramente con un ricco bottino di ricette da proporci…. buon viaggio divertiti e condividi le tue splendide esperienze. 😉

      • labalenavolante ha detto:

        Lo farò senz’altro! Sì, credo tornerò sopratutto con un ricco bottino.. di spezie e sapori di quei luoghi! conto di partire con lo zaino vuoto e riempirlo lì.. anche perchè dalle mie parti quando cerco l’assafetida mi guardano come una sciroccata 😀 un bacione Feli!

        • Felicia ha detto:

          Quanto vorrei abitarti vicino, e poter ammirare il tuo zaino…. pieno di squisite spezie 🙂 hai proprio ragione, pensa che io ho problemi anche a trovare l’anice stelato 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.