Apr 23
2018

Sformacco di riso e fave

Nessun errore, anche il titolo ha subito l’influenza dalla ricetta a cui mi sono ispirata.

Il Macco di fave, piatto tipico siciliano di cui ne esistono diverse versioni e personalizzazioni, oltre alla versione classica, una crema di fave arricchita da spaghetti spezzati, c’è anche la versione golosa e ricca fritta.
Per realizzare i miei Sformacco di riso e fave ho attinto alle due preparazioni, il risultato sono dei sformati ricchi e appaganti, compatti ma morbidi e cremosi, dove  il riso mantiene il proprio carattere e si integra perfettamente con la corposa e cremosa crema di fave.
La preparazione è semplice, è possibile se lo si desidera cuocere le fave il giorno precedente per avvantaggiarsi e dimezzare i tempi di preparazione, abbinate lo Sformacco di riso e fave con una verdura a foglia, leggermente salata in padella e insaporita, io ho scelto gli Agretti di cui sono ghiotta, ma saranno altrettanto perfette le Biete o la Cicoria.

Ingredienti:
150 gr di mezze fave decorticate ed essiccate
160 gr di riso integrale Baldo
sale integrale
pepe bianco
succo di limone

Ingredienti per gli agretti:
700 gr di agretti
sale integrale
pepe bianco
succo di limone

Procedimento:
Mettete in ammollo le mezze fave almeno due ore, successivamente scolatele, sciacquatele e versatele in una casseruola, coprite con acqua e portate a cottura. Le fave devono cuocersi completamente arrivando a disfarsi e ridursi in una purea rustica. Consiglio di non esagerare con l’acqua, nel caso ne aggiungerete, in questo modo le fave cuoceranno assorbendo l’acqua di cottura.
A cottura salate, insaporite con una generosa grattugiata di pepe bianco e poche gocce di succo di limone.
Amalgamante, assaggiate e ritirate in un contenitore raffreddandole.
Sciacquate il riso, versatelo in una casseruola, coprite con il doppio del volume di acqua, incoperchiate e portate a cottura.
Nel frattempo, pulite e lavate gli agretti, adagiateli in una larga padella, coprite con poca acqua, incoperchiate e fate cuocere pochi minuti.
La cottura degli agretti è veloce, dopo i primi 10 minuti scoprite la padella e proseguite salandoli e insaporendoli.
Ritirateli su un piatto e fateli intiepidire.
Verso fine cottura del riso, aggiungete la purea di fave, amalgamate con cura, mantecate, terminate la cottura del riso insaporendo se necessario.
La purea di fave tende a indurirsi durante il raffreddamento, è importante non far asciugare eccessivamente il risotto.
A cottura, distribuite il composto nei pirottini scelti, con questa dose otterrete quattro Sformacco di riso e fave.
Assestate il riso, fate riposare e raffreddare, se lo desiderate potete anticipare la preparazione e conservare i pirottini in frigorifero sino al giorno seguente.
In questo caso preparate gli Agretti il giorno in cui terminerete il piatto.
Preriscaldate il forno a 180°C.
Sformate gli Sformacco su una teglia foderata con carta forno, cospargete la superficie con poco gomasio e infornate cuocendo per 10-15 minuti.
Gli Sformacco devono scaldarsi e dorarsi leggermente.
Servite tiepidi accompagnandoli con gli agretti.

Leggermente croccanti esternamente ma straordinariamente morbidi nel cuore, conquistano al primo assaggio, perfetto l’abbinamento con la delicatezza degli agretti.


Sono buonissimi anche a temperatura ambiente, perfetti anche per le scampagnate.

Al link troverete un approndimento sui valori nutrizionali dei legumi, non solo buonissimi.

 

 

  • 10
  •  
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.