Set 24
2018

Petali di cipolla farciti

«Il suolo è fertilissimo in olio, grano, anice, comino, mandorle, biade e legumi. Vuolsi notare che fra i ricolti, onde maggiormente si avvantaggia la classe agricola è quello delle cipolle, ricercatissime anche da lontane regioni, essendo prodotto speciale di una parte di questo suolo, che le rende preferibili a quante ne producono altri terreni.»

(Storia della Chiesa Palatina di Acquaviva delle Fonti dal 1779 al 1875)

Il prodotto speciale protagonista di questa ricetta è la Cipolla rossa di Acquaviva delle Fonti, la mia preferita.
Ogni anno in questa stagione la cerco, la acquisto e ne valorizzo i pregi.
In famiglia la adoriamo cruda, aggiunta alle insalate in foglia o di cetrioli e pomodori, ma anche cotta in preparazione che ne esaltino gusto e  consistenza.
E’ famosa per la sua dolcezza, la cipolla rossa di Acquaviva delle Fonti, presidio Slow Food, è riconoscibile per la tipica forma appiattita e per la sua colorazione violacea: un grosso disco dello spessore di 6-7 centimetri, larga fino a una spanna, e con un peso di circa 500 grammi. (Wikipedia)
Anche quest’anno la ricerca ha dato buoni frutti, ho acquistato un discreto numero di cipolle, le mie insalate si arricchiscono di gusto e nasce una nuova ricetta.
L’utilizzo della cipolla rossa di Acquaviva è facoltativo, vi consiglio in ogni caso di scegliere cipolle di qualità, dal sapore dolce: perfette le cipolle di Tropea o le cipolle dorate.

Ingredienti:
250 gr di tofu al naturale
2 grosse cipolle Acquaviva delle Fonti
3 zucchine medie
10/12 rametti di menta
1 cm di zenzero fresco
2 cucchiai di gomasio
2 cucchiai di semi di sesamo
sale integrale a piacere
pepe bianco a piacere

Procedimento:
Sbucciate e lavate le cipolle, praticate un taglio partendo dal centro sino all’esterno della cipolla, cuocetele a vapore per pochi minuti: devono ammorbidirsi senza risultare troppo tenere, il necessario per poterle sfogliare e arrotolare.
Fatele raffreddare completamente, successivamente sfogliatele prestando attenzione a non rompere i vari strati, eliminando l’eventuale pellicina che li ricopre.
Conservate gli strati più grandi stesi su carta da cucina e riunite i cuori in un robot da cucina, aggiungete il tofu a pezzetti, la buccia delle zucchine prelevata con un pelapatate, (conservate la parte interna), la menta sfogliata (circa la metà della dose prevista), il gomasio e tritate sino ad ottenere un trito omogeneo e sodo. Assaggiate insaporite con una macinata di pepe ed eventualmente aggiustate di sale.
Adagiate un poco di ripieno a base di tofu su un estremità della foglia di cipolla e arrotolate formando un piccolo involtino.
Man mano che procedete, adagiate i Petali ripieni su una teglia.
Tagliate a tocchetti le zucchine (private dalla buccia) e versatele in una casseruola, aggiungete uno o due cucchiai di acqua e cuocete a fuoco moderato.
Quando saranno tenere aggiungete lo zenzero a pezzetti, le foglie di menta rimaste, poco sale integrale e i semi di sesamo.
Frullate aggiungendo l’acqua necessaria per ottenere una salsa morbida, ma corposa.
Preriscaldate il forno a 180°C, a temperatura infornate i Petali di cipolla cuocendoli per circa 8/10 minuti facendoli dorare leggermente.
Sfornate e fate intiepidire; servite adagiando i Petali di cipolla ripieni su un letto di crema di zucchine.


Da gustare tiepide, perfette anche il giorno dopo leggermente riscaldate.


Se vi avanza un poco di ripieno potete utilizzarlo per arricchire una salsa al pomodoro semplice oppure aggiungendo altri ortaggi o tofu per realizzare deliziose polpette.

 

 

  • 14
  •  
  •  
  • 100
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.