Apr 8
2019

Crostata nocciolata

Il profumo inebriante delle nocciole invade con prepotenza la casa e con trepidazione aspettate il momento in cui sfornerete la golosa Crostata nocciolata.

E’ davvero difficile attendere il raffreddamento, ma è necessario per poter gustare al meglio la torta.
Il mix calibrato di ingredienti si fonde insieme per offrire una fetta di bontà unica.
Per la Crostata nocciolata mi sono ispirata ad una mia vecchia ricetta, suggerita da uno chef egiziano.
Molti anni fa, durante un soggiorno a Sharm El Sheikh, mi ero perdutamente innamorata della Crostata alle nocciole servita con regolarità tutte le sere al ristorante.
Dopo 15 giorni ancora non potevo abbandonare il ghiotto dolce, e grazie alla mediazione del Maitre sono riuscita ad avere la ricetta dallo Chef.
Che onore… la ricetta scritta in Egiziano dallo Chef era tra le mie mani e che sorpresa quando dopo un ulteriore sforzo sono riuscita a farmela tradurre.
Le dosi indicate erano davvero esagerate adatte a soddisfare le esigenze del resort, lo Chef mi aveva semplicemente trasmesso la loro ricetta originale.
Al rientro dopo aver equilibrato le quantità ho gustato con regolarità la mia super crostata preferita.
Avevo quasi scordato questa meravigliosa ricetta, ma ora eccola in versione vegan e senza glutine.
Veganizzarla è stato semplice, le uova nella ricetta originale non erano previste e il burro è stato sostituito dalla maionese veg.
La nostra amata maionese è perfetta nei dolci, l’emulsione latte di soia e olio sono il “grasso” perfetto e la leggera acidità e sapidità esaltano il dolce.
Per le farine senza glutine ho scelto un mix dal sapore morbido e dolce, arricchito da poca farina di semi di lino per legare il tutto rispettando la fragranza della farine.


Il risultato è incredibile, al primo morso ho ritrovato sapori perduti, ma mai dimenticati.
Sono davvero curiosa di leggere la vostra opinione, sono certa che anche voi… vi innamorerete della Crostata nocciolata.

Ingredienti:
100 gr di farina di riso
100 gr di farina di mais
100 gr di nocciole
20 gr di farina di semi di lino
80 gr di maionese vegan autoprodotta senza senape
80 gr di zucchero di foresta o zucchero di canna
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
50 ml circa di acqua (se necessario)
marmellata di fragole a piacere

Procedimento:
Nel robot da cucina versate le nocciole e tritatele finemente, se necessario smuovetele con una spatola.
Aggiungete le farine e lo zucchero e tritate nuovamente amalgamando gli ingredienti, unite la maionese vagan e il bicarbonato di sodio.
Tritate qualche minuto per amalgamare gli ingredienti.
Trasferite il composto in una ciotola capiente e impastate brevemente con le mani, se l’impasto dovesse risultare troppo asciutto e friabile aggiungete poca acqua e impastate.
Prelevate piccole porzioni di impasto e adagiatele nella teglia schiacciandole con le mani e compattandole, creando un piccolo bordo di circa 4 mm di altezza.
Con i rebbi di una forchetta forate il fondo della torta, versate la marmellata di fragole e coprite il tutto con l’impasto rimasto sbriciolandolo.


Compattate premendo leggermente con le mani e riponete in frigorifero almeno 30 minuti prima di infornare.
Terminato il riposo, preriscaldate il forno a 180°C a  temperatura infornate la torta e cuocete per circa 30 minuti.
Dopo 20 minuti controllate il dolce: se la superficie dovesse scurirsi troppo, copritela con un foglio di carta di alluminio.
Prima di sfornare fate la prova stecchino, tenendo in considerazione che la torta si compatterà solo dopo il raffreddamento.
Sfornate, fate raffreddare adagiando la torta su una gratella, e… gustate!!!
Il giorno dopo è ancor più buona, i sapori si fondono, si conserva 3/4 giorni a temperatura ambiente.


Per questo dolce ho utilizzato una teglia in carta forno del diametro di 21 cm.
Se lo desiderate potete sostituire la marmellata di fragole con altra marmellata a vostra scelta, consiglio comunque di utilizzare una marmellata leggermente acidula per esaltare il sapore delle nocciole.

 

 

  • 44
  •  
  •  
  • 102
  •  
  •  
  •  

8 risposte a “Crostata nocciolata”

  1. Federica ha detto:

    Bellissima non vedo l’ora di provarla… Ho tostato nocciole tutto ieri!! 😂
    Solo una cosa… Posso omettere o sostituire (nell’eventualità.. Con cosa?) la maionese?
    Grazie!!!

  2. ledeliziedifeli ledeliziedifeli ha detto:

    Ciao Federica, hai fatto un gran lavoro a tostare le nocciole, ma personalmente non le tosto mai, prefesco utilizzarle al naturale e sfruttare la parte “grassa” e oleosa delle nocciole. La tua crostata ne guadagnerà sicuramente in sapore e aroma, ma se fosse necessario aumenta di poco l’acqua. Per quanto riguarda la maionese vegan è un ingrediente importante, la maionese in questo dolce è il sostituto del burro o della margarina vegetale, puoi utilizzare solo olio di semi, oppure semplicemente emulsione con un frullatore ad immersione latte di soia e olio di semi e in pochi secondi la maionese vegan è pronta.

  3. Alessandra ha detto:

    Ciao!non avendo la farina di semi di Lino posso tritare i semi?altra cosa:x avere quella quantità di maionese quanto latte ci vuole?grazie mille!Alessandra

  4. ledeliziedifeli ledeliziedifeli ha detto:

    Ciao Alessandra, puoi tranquillamente tritare i semi di lino sino a ridurli in farina, per questa quantità di maionese la dose di latte è davvero minima ed è impossibile da realizzare il frullatore non riuscirebbe a montare gli ingredienti, ti consiglio di fare la dose standard

  5. Alessandra ha detto:

    grazie!!una volta tritati diventano gelatinosi?
    Ultima cosa:ho visto la ricetta della tua maionese ma non avendo certi ingredienti(fonio,sorgo o quinoa),pensi possa essere fatta in modo più elementare diciamo?Pensavo quindi a latte di soia,olio e limone…come grammatura degli ingredienti come posso regolarmi???Grazie ancora :)A

  6. ledeliziedifeli ledeliziedifeli ha detto:

    Diventano gelatinosi a contatto con un liquido, la loro azione legante avviene nell’impasto. Per la maionese devi usare la ricetta della maionese a base di latte di soia, perchè è ricca di grassi e quindi sostituisce egregiamente il burro o la margarina nella ricetta.
    Io nel boccale del frullatore ad immersione verso in questo ordine: 50 ml di latte di soia con minimo l’8% di soia, 250 ml di olio di semi di girasole bio spremuto a freddo, sale a piacere, un pizzico di curcuma (per il colore) il succo di 1/2 limone. Poi con un movimento (lento) dal basso verso l’alto monto il tutto, in pochi minuti la maionese è fatta. Poi volendo acquistarla anche già fatta ma sempre a base di soia, la trovi anche nella grande distribuzione con facilità.

  7. Alessandra ha detto:

    Fatta ieri!buonissima!!!grazie 🙂

  8. ledeliziedifeli ledeliziedifeli ha detto:

    Ciao Alessandra, sono davvero felice ti sia piaciuta. Grazie per la condivisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.