Mag 27
2019

Brisè rustica di ceci

Dal dolce al salato… la Brisè rustica di ceci è una variazione sul tema sfruttando la straordinaria bontà della “frolla” di ceci dei Torcetti morbidi di ceci e mais.

Ogni volta che preparo i Torcetti morbidi di ceci e mais  sono un successo: la frolla risulta friabile e leggermente morbida, la consistenza perfetta per rendere questi biscottini irresistibili, ed è proprio mentre realizzavo l’ultima informata di Torcetti che mi sono detta… perchè non provarla in versione salata?
Ed ecco la Brisè rustica di ceci, l’impasto è una certezza ed il ripieno è davvero unico, un mix di sapori che si fondono insieme per offrire una torta salata davvero spettacolare.
Ora potete sbizzarirvi con le vostre versioni e divertirvi a sfornare ogni volta una Brisè sempre nuova e gustosa.


L’impasto si abbina a qualsiasi ingrediente, il sapore di ceci non è invadente anzi, direi che non si percepisce; la totale assenza di glutine lo rendono perfetto per tutti… celiaci e non solo.

Ingredienti per la Brisè
200 gr di farina di ceci
50 gr di farina di mais fioretto
30 gr di gomasio
il succo di 1/2 limone
1/2 cucchiaino di sale integrale
1/2 bustina di cremor tartaro
la punta di un cucchiaino di bicarbonato di sodio
100/120 ml di acqua gasata

Ingredienti per il ripieno:
250 gr di tofu
150 gr di spinaci surgelati
1 cipollotto
300 gr di carote grattugiate
250 gr di sedano rapa* (facoltativo)
erba luigia a piacere (o altra erba aromatica a scelta)
1 cm circa di zenzero fresco
sale integrale a piacere
gomasio a piacere

Procedimento:
Il giorno precedente, o comunque con qualche ora di anticipo,  dedicatevi alla preparazione del ripieno.
Non fatevi spaventare dalle operazioni, sono solo apparentemente impegnative, in realtà si tratta solo di amalgamare, insaporire e rassodare gli ingredienti.
In un robot da cucina, tritate il tofu e versatelo in una casseruola, scongelate a temperatura ambiente gli spinaci e tritateli al coltello, uniteli al tofu nella casseruola, lavate e affettate finemente il cipollotto e unitelo alle verdure in casseruola.
Aggiungete 2 cucchiai di acqua, incoperchiate e fate cuocere per 10 minuti, mescolando ogni tanto; nel frattempo lavate e grattugiate le carote, unitele al tofu e mescolate, fate cuocere per 5 minuti a tegame scoperto facendo asciugare il composto.
Assaggiate e salate, poi insaporite con un’abbondante grattugiata di zenzero fresco, sale e gomasio a piacere.
Se desiderate realizzare anche delle deliziose polpettine, pulite e sbucciate il sedano rapa, cuocetelo a vapore, successivamente frullatelo sino a ridurlo in purea.


Aggiungetelo al composto di tofu, amalgamando e regolando il sapore.
Il composto deve risultare morbido, ma corposo; se necessario proseguite la cottura a tegame scoperto per far asciugare l’acqua di vegetazione.
A cottura ultima versate in un contenitore, fate raffreddare, successivamente riposare in frigorifero sino al giorno successivo.
Per la brisé versate in una grande ciotola la farina di ceci, la farina di mais fioretto, il gomasio, salate leggermente, mescolate con una spatola le farine, quindi aggiungete il succo del limone, il cremor tartaro e il bicarbonato.
Aggiungete poca acqua alla volta e impastate sino a realizzare un impasto morbido e modellabile risultando leggermente friabile.
Dividete l’impasto in due parti, oliate leggermente la spianatoia e stendete la prima metà di impasto con l’aiuto di un mattarello.
Foderate il fondo e le pareti di uno stampo da crostata, (io utilizzo stampi in carta forno del diametro di 22 cm) con i rebbi di una forchetta forate il fondo dello stampo.
Versate un generoso strato di ripieno sull’impasto, stendete la seconda metà della brisè, adagiatela con delicatezza sul ripieno, sigillate i bordi aiutandovi con un forchetta e praticate sei piccoli fori sulla superficie con uno stuzzicante o i rebbi di una forchetta.
Preriscaldate il forno a 180°/190°C, a temperatura infornate e cuocete per circa 20 minuti, prima di sfornare controllate la cottura pungendo con uno stuzzicadenti l’impasto, se necessario proseguite la cottura per altri 5 minuti prestando attenzione che la superficie non si colori troppo, nel caso coprite con un foglio di alluminio.
A cottura sfornate e fate raffreddare prima di servire.


Buonissima a temperatura ambiente, ma se vi avanza conservatela in frigorifero, acclimatate la brisè per qualche ora e gustatela!!! Sarà ancor più buona, i sapori si incontrano durante il riposo, si conoscono e insieme si fondono in un’unica e irresistibile esplosione di bontà.

* Se avete deciso di aggiungere la purea di sedano rapa, vi sarà sicuramente avanzato un poco di ripieno, in una ciotola impastatelo con fiocchi di grano saraceno (o altri fiocchi a scelta) aggiungendoli ad occhio sino a quando il composto risulterà asciutto  e modellabile.
Realizzate delle piccole polpette che cuocerete in forno per 15/20 minuti, girandole a metà cottura. Potete gustarle insieme alla brisè, congelarle o…. il giorno dopo, ricordando la vostra e unica Brisè rustica di ceci.

Con questa ricetta veg e senza glutine, voglio ricordarvi di segnarvi in agenda quattro date importanti, il  16-17-18-19 novembre prossimi, per l’expo Food Nova che si terrà a Rimini, che avrà un intero settore dedicato all’alimentazione vegetale!

  •  
  •  
  •  
  • 1.8K
  •  
  •  
  •  

3 risposte a “Brisè rustica di ceci”

  1. Michela ha detto:

    Buongiorno
    Bellissima ricetta. Ho solo una domanda: Con cosa è
    possibile sostituire il gommasio?
    Grazie mille

  2. ledeliziedifeli ledeliziedifeli ha detto:

    Ciao Michela, puoi ometterlo senza problemi, serve per insaporire non è indispensabile. Fammi sapere se la provi, mi fa piacere 🙂

  3. […] con successo la farina di ceci con prodotti dolci: Torcetti morbidi di ceci e mais e salati, Brisè rustica di ceci era arrivato il momento di andare oltre e passare direttamente ai ceci. Sono certa di aver attirato […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.